Bio

“Le gambe s’allacciano, gli sguardi si fondono, i corpi si amalgamano in un firulete e si lasciano incantare. Dando l’impressione che il tango sia un grande abbraccio magico dal quale è difficile liberarsi. Perché in esso c’è qualcosa di provocante, qualcosa di sensuale e, allo stesso tempo, di tremendamente emotivo. Il tango è un linguaggio in cui convivono tragedia, malinconia, ironia, amore, gelosia, ricordi, il barrio amato, la madre, pene e allegrie, odori di bordelli e di attaccabrighe”
(da “El Tango” di Jorge Luis Borges)

 

bio-total
MILONGA CLANDESTINA
Tommaso Angelini (Violino), Alessandro Benedettelli (Chitarra) e Giovanni Vai (Clarinetto) si sono conosciuti alla Scuola di Musica di Grosseto. Erano solo bambini che amavano la musica e studiare il proprio strumento. Nata l’amicizia, hanno presto iniziato a suonare insieme.
L’incontro con il tango è avvenuto casualmente. Era l’estate del 2008. Tutto è partito con una telefonata:
-Bisognerebbe preparare alcuni tanghi per una milonga alla terrazza del porto di Marina di Grosseto, vi va?-
Quella sera hanno capito che avrebbero continuato a farlo: ricercare un contatto, un coinvolgimento con i danzatori e ricreare un tutt’uno tra note e movenze del ballo più poetico che ci sia.
Abituati a confrontarsi con partiture di autori come Mozart, Beethoven, Vivaldi, Paganini.. si sono voluti, per gioco, definire “clandestini” rispetto a questo mondo nuovo.
In breve tempo il trio viene chiamato ad esibirsi in numerose occasioni sulla costa e dell’entroterra grossetano, livornese e pisano e nella primavera del 2010 esce il primo CD dal titolo “Permesso di Milonga”.
L’incontro fortunato con l’eclettico Flavio Timpanaro, ha arricchito il gruppo dal 2011 con la calda sonorità del contrabbasso.
Milonga Clandestina collabora con scuole ed associazioni di tango, quali Blue Moon Tango di Grosseto, PortenoTango di Piombino, Tango per cambiare di Firenze, per la realizzazione di esibizioni e milonghe, e ha all’attivo numerosi concerti i, tra i quali: Grosseto, Sala Eden, Savoia Cavalleria; Bolsena, Teatro S.Francesco; Firenze, Gran Tintori club; San Casciano val di Pesa, Effetto notte 2012; Salsomaggiore Terme, Teatro Nuovo; Festival di Tango alla Cava 2010 e 2011 , Parco di Pietra di Roselle.
In repertorio dai più tradizionali tanghi di maestri come Villoldo, Gardel, Troilo, Pugliese, fino al tango nuevo di Astor Piazzolla, ed altri ancora.

 

bio_tommy

Tommaso Angelini allievo di A.Bologni, si è perfezionato presso la Scuola di Musica di Fiesole con F.Cusano e L.Borrani, Il Conservatorio Lugano con C.Chiarappa e la Hochshule di Lucerna con P.Brunt. Collabora con orchestre come l’Orchestra Regionale Toscana, la Camerata Strumentale “Città di Prato”, l’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”, la Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna, diretto da mestri come R.Muti, D.R.Davis, D.Renzetti, A.Fisch, T.Dun, K.Nagano.

 

bio_ale Alessandro Benedettelli diplomanto con il massimo dei voti e la lode, ha studiato con F.Montomoli e si è perfezionato al Conservatorio di Vicenza, con S.Grondona e all’Accademia Chigiana di Siena con O.Ghiglia e E.Fisk. È vincitore di numerosi primi premi assoluti a concorsi come Grosseto (1999, 2000, 2001), Campi Bisenzio (1999), Castelfidardo (2001, 2004), Riviera Etrusca (2003) ed ha ottenuto importanti premi quale il “Premio Leo Brouwer” al “23° Certamen Andres Segovia” nel 2007 a La Herradura (Granada), Spagna. Ha all’attivo numerosi recital in Italia e all’estero.

bio_flavio Flavio Timpanaro ha studiato come bassista elettrico M.Caudai, M.Guarini e D.Fiorenza e si è perfezionato alla Tech Music School di Londra con A.McKinney e S.Horn. Studia contrabbasso all’Istituto Superiore “R.Franci” di Siena con A.Granai. Si esibisce in numerosi concerti, in Italia e all’estero in molte formazioni musicali proponendo repertori musicali molto variegati: dalla musica classica al jazz, dal rock al metal, dal progressive Rock al funky.

 

bio_gio

Giovanni Vai allievo di F.Battistelli al Conservatorio di Firenze, si è perfezionato alla Scuola di Musica di Fiesole, dove ora insegna, con G.Riccucci, all’Accademia Chigiana di Siena con A.Pay e A.Lonquich e all’A.I.F di Roma con C.Palermo. Collabora con orchestre come i Cameristi del Maggio musicale Fiorentino, la Camerata Strumentale “Città di Prato”, il Contempoartensemble la Sinfonica Città di Grosseto e la Filarmonica di Lucca, diretto da maestri come D.Renzetti, M.Angius, X.Zohng.